Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
Annus Mirabilis - Geraldine Brooks, Francesca Diano Parto subito col dire che non mi sono piaciuti l'inizio e la fine. Evviva :DD L'inizio sinceramente mi ha stranito, perché inizia , se vogliamo, dalla "fine": ci troviamo infatti nel 1666, mentre l'intera vicenda si svolge nel 1665. Insomma, come tecnica narrativa solitamente mi piace.. Ma in questo caso lascia poco all'immaginazione del lettore sull'effettivo finale e poi anticipa un bel po' di cose! (Ok, sei righe di recensione e ho scritto "inizio" 5748474482 volte. Complimenti Miss sinonimi 2013!:D) Per quanto riguarda il finale.. Io l'ho trovato forzato e scorretto. Sì, proprio scorretto, ecco! E soprattutto.. Altro che fulmine a ciel sereno**! Mi ha dato l'impressione di essere stato scritto da una persona di passaggio, a cui la Brooks abbia detto: "Ohi guarda, io devo scappare che ho la torta di mele in forno, non è che me lo finiresti tu il romanzo? Considera che i protagonisti sono Anna, ragazza giovane e coraggiosa e Mr Mompellion, parroco del villaggio.." O è così, o la Brooks ha la sindrome della doppia personalità! Non si può dire che non mi abbia sorpreso, per carità.. Ma io ODIO le sorprese negative o che non sono 'programmate' dalla mia mente u.u Per la storia in generale, diciamo che ci troviamo di fronte ad una sorta di romanzo storico che riprende un fatto realmente accaduto: la peste a Eyam e la decisione coraggiosa del villaggio di "isolarsi" così da non rischiare di trasmettere l'infezione agli altri villaggi. Dico una sorta perché, per quanto io sia ignorante e di certo di lavoro non faccio lo storico, mi è sembrato abbastanza inverosimile in alcuni punti. Sia alcuni sintomi della peste, sia la velocità della morte.. Insomma, mi è sembrata una ricostruzione un po' "comoda"! Però vabbé, non voglio fare la guastafeste di turno, in realtà a me il libro è piaciuto parecchio! Tante sventure che portano tanta cattiveria e tanta follia, come solo noi esseri umani siamo capaci di creare. Non so bene che idea farmi di Anna, la protagonista: è sicuramente un personaggio estremamente positivo però quasi ai limiti della santità. Insomma, davvero poco credibile! Esisterà davvero una persona così?! Avrebbe tutte le carte a posto per suscitare simpatia e soprattutto per essere definita "eroina con le palle", ma davvero, non riuscivo a sentirla reale! In definitiva Seri, consigli la lettura di questo libro? Sì :D Ma senza aspettarsi il prossimo capolavoro della letteratura mondiale, ecco!** Mi rendo ben conto di aver scritto poc'anzi che il finale è scontato.. In realtà ciò che volevo dire è che il finale è prevedibile, ma un certo elemento è quello a sorpresa. Ecco, ora ho confuso ancora di più le cose XD

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan