Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
La bambina senza cuore - Emanuela Valentini L'unico motivo che mi ha spinto a leggere questo, ehm, libro è stato il fatto che una mia amica mi ha convinto costretto a farlo: ha puntato sulla nostra amicizia e sul fatto che non potevo lasciarla sola nel dolore provocatole da questo libro.. Ho cercato di resistere il più possibile, ma alla fine il lato oscuro di me da una parte e la sua richiesta di aiuto e comprensione dall'altra hanno avuto la meglio XDChe dire. Non solo la mia vita sarebbe proseguita ugualmente senza aver letto questa porcata novità editoriale, no! La mia vita sarebbe proseguita in modo migliore.Mi ha infastidito enormemente e mi ha fatto prudere le mani più volte che no!Il libro mi ha lasciato incredula: come si può pubblicizzare in modo così positivo un'opera così infima?La prima cosa che mi ha fatto ODIARE il romanzo e la scrittrice, è questa frase: "La bambina senza cuore è una fiaba dark che ricorda le atmosfere decadenti e oniriche di Tim Burton e Neil Gaiman".Neil Gaiman?! Neil Gaiman non lo devi nemmeno nominare! O.O Povero, già me lo immagino cadere in depressione quando gli dicono: "Ehi, in Italia una che si è improvvisata scrittrice viene paragonata a te, ci credi?". No!! Gaiman, ci pensiamo noi a difendere il tuo onore e la tua virtù! Gaiman è (ahimé) effettivamente presente.. Ma come brutta copia e copiata male.. L'unico modo per non vedere/capire la sua presenza offuscata è non aver mai letto niente di suo. (A questo punto, consiglio vivamente di iniziare a farlo, Gaiman è imperdibile!): questo libro ricalca "Il cimitero senza lapidi e altre storie nere".. Il senso di deja-vù era quasi opprimente!Questione Gaiman a parte, che però è una questione MOLTO spinosa (e che mi ha fatto entrare nello spirito di insofferenza e antipatia) l'intero romanzo mi ha fatto cadere le braccia.Innanzitutto Nathan anche noto come Il-mondo-ce-l'ha-con-me-nessuno-ha-mai-avuto-14-anni-sigh-sob-buu; mi sarebbe tanto piaciuto riempirlo di sberle.. Cielo quanto se le sarebbe meritate! Il fatto che poi non brilli di intelligenza e di scaltrezza certo non depone a suo favore: innanzitutto esce di sera senza porsi tanti problemi quando c'è il coprifuoco causa creature malvagie e crudeli.. poi per poco non gli prende un colpo quando "scopre" che Lola non è viva nel senso canonico del termine.. Però non ha battuto ciglio alla vista di un fantasma, un gargoyle e una statua di un angelo che si muove e parla. Io dico.. CI FAI O CI SEI?! Ma che senso ha!!Eccolo qui, in tutto il suo splendore, Mr Sagacia 1990:Fa freddo non dovresti svestirti, ti prenderai un raffreddore...» (Dopo che lei ha appena detto che non è quel che si può definire viva..)«Lola…», balbettò lui, «stai forse cercando di dirmi che sei morta?» (NOOO! E perché dici?!)William, suo padre è un altro personaggio coi fiocchi; evidentemente è di famiglia.. Lui però più che affetto da stupidite acuta, sembra possedere tre o quattro personalità di scorta, giusto per, non si sa mai quando possano servire! Passa dall'essere una persona "razionale", al mettere completamente su Off il cervello rifiutandosi di ragionare. Si pente del poco tempo che passa con suo figlio, di lasciarlo sempre solo e di non avere un dialogo con lui, ma le volte che ne ha la possibilità, le sue risposte oscillano da "sono stanco voglio stare solo", "non capisci", al "Vai in camera tua" o "Sei infantile". Ah beh, complimenti per le capacità innate di mantenere relazioni, eh!La storia poi, da come si presenta, vorrebbe essere un concentrato di pathos e mistero.. Ehm. Coff coff. Dicevamo?! L'unica cosa "misteriosa" che ho trovato è l'inizio, ma solo perché è terribilmente confusionario, non per altro! L'autrice mette troppa carne al fuoco e poi non è capace di gestirla.. tanto per prendere ad esempio un unico elemento: le terribili creature che uccidono la notte, sanguinarie, paurose, mostruose.. Ad un certo punto diventano delle povere "bestiole" (giuro, usa questa parola. Una parola che io userei per un micino o un cagnolino morbido e dolce XD) affamate, che nessuno comprende, ma che potrebbero diventare mansuete se nutrite (idea farlocca di Nathan. Rendetevi conto del protagonista!), ma non è tutto! La cosa, che poteva avere un minimo di fascino, viene risolta in caciara come se l'autrice non sapesse nemmeno lei che farsene di queste creature terribili aka bestiole affamate.Rimanendo nell'ambito delle creature di cui sopra, sono legate in modo piuttosto marginale alla vicenda centrale: troppi misteri non sono credibili in un'unica sfigatissima cittadina! Per quanto riguarda lo stile.. Ammetto che buona parte del mio dislike è dato dall'antipatia (di cui sopra); non è che non sappia scrivere, l'autrice. Diciamo però che non è nemmeno 'sto granché, ecco! :D I nessi spazio-temporali sono importanti, eh! Poi vabbé, tralasciamo i giochi di parole campati per aria.. No anzi, non tralasciamo niente: per la categoria "Ma che stai dicendo", ecco la frase finalista:La voce della donna era piegata dal dolore.La voce piegata dal dolore? La VOCE PIEGATA DAL DOLORE?!?!? Ma che senso ha?!La cosa positiva di questo esperimento lanciato è la parte grafica che è davvero gradevole e i disegni interni sono molto belli! Ovviamente c'è la fregatura: non so per l'epub, ma per il file .mobi ciò non è presente. Tipico!! Mi è venuto in mente perché il progetto è stato presentato come "multimediale".. E io di multimediale avevo trovato ben poco (insieme a tutto il resto XD); per curiosità ho sbirciato il formato pdf e c'è stata l'epifania :DMi consolo con il fatto che non ci ho speso soldi sopra (giusto gratis poteva essere!) e che presto svanirà dalla mia memoria come se non fosse successo nulla :DE se posso darvi un consiglio spassionato, butatte questa ciofega, comprate un libro di Gaiman e veneratelo *_*

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan