Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
Cinder (Cronache lunari, #1) - Marissa Meyer, Alessandra Sogne Ho deciso di leggere questo libro perché mi sembrava di essere rimasta l’unica tonta a non averlo fatto. Avete presente quando a dieci anni se non avete le scarpe di Lelly Kelly con le lucine non siete nessuno? O quando è scoppiato il boom della PlayStation e potevi avere una vita sociale solo se la possedevi? O ancora, quando usciti i Pokemon potevi essere tacciato di miscredenza se non avevi le carte?!Ecco. Mi sentivo esattamente così xDInsomma, ero la mosca bianca in un covo di lupi :DD (questa l'ho inventata io, modestamente xD)Che dire, probabilmente continuerò ad essere la paria della situazione, ma pur avendo trovato il libro carino, delizioso, godibile e un buon compagno in questo periodo di grande stress, non penso che finirà tra i miei preferiti, tra gli indimenticabili o tra quelli che meritano il posto d’onore in libreria.Anzi, se devo essere sincera, non credo di avere lo stimolo necessario per continuare la saga –che, tra parentesi ho visto essere formata per ora da quattro volumi.Dando a Cesare quel che è di Cesare, c’è da dire che ho letto il libro con estremo piacere e l’ho divorato: ogni tanto mi sono fatta pure qualche risatina per alcuni dialoghi e/o risposte che Cinder da’..Però si è mantenuto tutto sotto la soglia del brillante, non mi è scattata mai la scintilla.Mi è piaciuto il fatto che Cinder sia un meccanico pure piuttosto cazzuto e non l’ultima scema del villaggio.. Che insomma fosse un’eroina abbastanza atipica!!Mi è piaciuta anche l’idea della rivisitazione delle favole Disney (anche se rivisitazione è una parola un po’ forte: diciamo che la Meyer utilizza la favola come punto di partenza per poi sviluppare una storia tutta sua – e meno male, direi io!): leggerla in chiave moderna ritrovando alcuni elementi topici.. Insomma, forte!!Che altro mi è piaciuto, mmm.. Ecco.. Non mi è dispiaciuto lo stile della Meyer: scorrevole, non pretensioso e pulito. Direi che ci siamo!Ahhh. La nota dolente.Iniziamo con Cinder. Cinder che è.. Boh, passiva? Poco attiva? Poco Kick-in-the-ass heroine? Poco spacco-tutto-e-tutti? Chissà, non riesco ad inquadrarla! Certo non è il prototipo di eroina che mi piace trovare in un libro, poco ma sicuro. Se dovessi definirla in una parola, fermo restando che mi sta pure simpatica povera anima, è “sciapa” (Fortuna che mi sta simpatica, pensa il contrario.. :D).Cioè, io fossi stata lei avrei preso a mazzate Adri, per iniziare.. Oppure quando Pearl la maltratta prima del ballo a me è venuto l’istinto folle di schiaffeggiarla, di farle lo sgambetto (ops!) o di sporcarle il vestito (e questo pure Cinder l’ha pensato. Beh?! Che aspetti?! Come potrebbero renderti la vita più grama, quand’anche le rovinassi il vestito?! E su!!). A volte sembra quasi essere un personaggio carismatico per poi risprofondare nell’abisso di nullità.. TROPPO succube!! Non puoi difenderti soltanto dicendo “non è colpa mia se sono Cyborg”.. ._.Kai, vogliamo parlarne? Mr e Miss Sciapità, davvero! Sarà che romanzi di questo genere mi hanno un po’ abituata al maschio alfa.. Lui è così.. Così.. COSI’ scialbo!!! O.OPoi vabbé, il fatto che il ‘colpo di scena’ finale il lettore lo capisca praticamente dalla trama del libro non è un fattore positivo.. Cioè, in una lettura del genere un paio di colpi di scena sarebbero piacevoli! Invece niente, tutto prosegue in modo parecchio scontato e lineare; ecco anche perché non è che mi è presa proprio voglia di continuare la serie: sì, Cinder finisce come finiscono spesso i libri ultimamente: sul più bello.. Ma se quel ‘bello’ è super-mega-prevedibile, boh, che gusto c’è!!Anche il dottore come personaggio, dai, su!!! L’aveva capito pure il mio peluche di Spongebob (coccolo lui

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan