Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
A Girl Less Ordinary (Harlequin Romance) - Leah Ashton Seriamente, perché "A girl less ordinary" diventa magicamente "Ti prego non spogliarti"? Perché? PERCHE'?Santi numi della letteratura, incarnatevi in qualche Jinn e spiegatemi questa cosa!!E' un titolo completamente (e inutilmente) fuorviante: a me ha subito fatto penare ad un romanzo un po' squallidino in cui protagonista assoluto fosse il sesso. E invece manco per niente!Non è un libro candidato al Nobel per la letteratura, sia ben chiaro.. Ma nel suo genere non mi è affatto dispiaciuto: gradevole per passare un paio d'ore senza dover attivare tutti i vostri neuroni.. Insomma, se siete stanchi, avete bisogno di fare una pausa e leggere qualcosa di carino.. Io consiglio (e poi ha un prezzo super, quindi..)!! :DDunque, mi/vi evito la parte in cui la parte lamentosa di me ha il sopravvento e critica la prevedibilità della storia. Sì, ok, implicitamente l'ho fatto con queste righe, ma conoscendomi, potrei andare avanti per ore XDAlla fin fine il romanzo nasce come storia d'amore ben dichiarata, non si nasconde dietro nulla.. Quindi non l'ho vista come una cosa fastidiosa e/o penalizzante per la lettura. Ero ben conscia di quello che mi aspettava quindi nessuna brutta sorpresa.. Anzi, forse mi ha anche piacevolmente stupito in positivo.La storia è carina e all'80% mi è piaciuto anche come è scritta. Non mi è piaciuta al 100% perché la Ashton inserisce TROPPO lo stream of consciousness di Ella.. Insomma, o sei un narratore esterno o interno.. Non puoi mescolarmi in modo pasticciato le due cose! Che nervi certe volte! Questi inserimenti di commenti/pensieri della protagonista ogni tanto ci stavano pure.. Ma seriamente, sono presenti in modo esagerato ._.A tratti è anche ironica, l'autrice.. E ciò mi ha sorpreso (chissà perché, ma non me lo aspettavo ç_ç).. Brava! Chissà che non mi prenda voglia di leggere altro di suo.. :DIl fatto che il romanzo fosse estremamente breve (meno di 180 pagine e il libro è assai piccino) è stata un'arma a doppio taglio: da una parte, elemento gradito e indispensabile, in quanto mi ha fatto scattare la scintilla per iniziarlo quando mi ero ripromessa di smaltire prima un po' di letture, dall'altra però un po' una limitazione perché la storia si svolge troppo frettolosamente, molti elementi avrebbero potuto essere sviluppati meglio e ogni tanto l'autrice mi ha dato l'impressione di risolvere in caciara alcuni elementi..Mi sono piuttosto piaciuti i protagonisti: Jake, nerd smanettone a capo di una compagnia di telefoni e milionario grazie ad essa e Ella, che da ragazza sfigata si è re-inventata ed è diventata una consulente di immagine.. e mi è piaciuto anche come entrambi vengano presentati, con relativo background e simili.. Ma c'è la nota dolente (con me non può quasi mai mancare :D); alcuni elementi mi sono sembrati davvero troppo forzati e qualche cliché avrebbe potuto essere evitato senza troppi traumi per la storia.. Poi non so, a volte Jake e Ella mi sembravano affetti dalla doppia/tripla personalità, sinceramente!!Ah!! Quasi dimenticavo! Mi è piaciuto il fatto che pur essendo una storia pensata per un pubblico femminile, il sesso non è tirato in ballo così a casaccio. Insomma, mi piace quando c'è, ma il fatto che sia contestualizzato lo apprezzo di più!Vabbé, me la smetto di lamentarmi ed elucubrare su questioni futili.. Promosso! :D(Sono una novellina nel genere, quindi non so valutarlo rispetto ad altri dello stesso genere.. ma mi rifarò!!)PS: Mi piacciono le copertine scelte dalla Harlequin Mondadori.. Coloratissime e allegre!

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan