Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
Oblòmov - Ivan A. Gončaròv E' stata dura, ma i nostri eroi sono riusciti a portare in salvo l'antico vaso, senza tralaltro ubriacarsi di Montenegro! Detto ciò, torniamo a noi :D Che dire.. Oblomov è l'essenza, o meglio la reincarnazione, dell'accidia e del posticipare ciò che andrebbe fatto. Si presenta come un personaggio estremamente indolente, pigro, che raramente lascia la sua stanza da letto e facile da odiare.. Eppure non so quale magia ha fatto Goncarov, non ho provato nessun sentimento di astio nei suoi confronti, e conoscendomi, mi sembra un piccolo miracolo.. Ciò mi ha dato l'entusiasmo di proseguire senza che scaraventassi via il libro a pagina dieci per mia stessa indolenza. Mi è piaciuto tantissimo, e credo che anche questo sia un piccolo miracolo perché io la letteratura russa proprio non la digerisco: per carità riconosco ogni merito a Dostoevskij e Bulgakov, ma non riesco innanzitutto a comprenderli e poi a leggerli come 'piacere'.. Nei miei diversi tentativi ho faticato tantissimo! Bando alle ciance, torniamo a noi!! Il libro, tranne alcuni pezzi che rappresentano proprio l'essenza della letteratura russa, scorre che è un piacere e spesso è anche molto divertente.. Zachar è un personaggio sorprendente, il suo pensare, agire e i borbottii sono fantastici! Non conosco bene (ok, praticamente per niente, ammettiamolo) la storia della Russia del XIX secolo, ma mi è sembrato che Goncarov faccia una satira abbastanza lucida della società del tempo.. Decisamente interessante!Insomma, Goncarov è un grande autore.. Però non è mai citato nella "rosa" degli scrittori russi.. O almeno, io, da brava ignorante quale sono, non lo avevo mai sentito.. Sicuramente vale un po' più di attenzione, altroché!L'amore fa incredibili progressi, è la cancrena dell'anima.

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan