Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.
Matched: la scelta  - Ally Condie Innanzitutto mi complimento davvero con chi ha pensato e progettato le cover della serie, che trovo assolutamente perfette. E' un racconto distopico, in cui i personaggi vivono in una società solo apparentemente perfetta, che si cura di loro e gli toglie ogni preoccupazione. E questa società è rappresentata dalla sfera in cui Cassia si trova.. E' un libro distopico, in cui tutto sembra essere straordinariamente perfetto, gli individui credono di avere (e ottenere) tutto ciò che desiderano, ma in realtà si tratta di un lavaggio del cervello bello e buono. Nella società di Cassia, gli individui mangiano ad orari stabiliti con pasti mandati dai funzionari, hanno tempo libero ad orari specifici, sono accoppiati alla loro metà tramite calcoli statistici e sono fatti morire ad 80 anni precisi. Non ci sono scelte, né ribellioni. Fino a che vengono messi in moto una serie di fattori che portano allo sconvolgimento della vita perfetta che Cassia ha sempre conosciuto.. Non sono un'esperta del genere, lo ammetto.. Ma durante la lettura ho avuto un enorme senso di deja-vù, ero parecchio a disagio. Più scene mi hanno ricordato l'altro libro che ho letto riconducibile a questo genere: The Giver, di Lois Lowry. Insomma, non riesco a considerarla come una cosa originale! Mi è piaciuto, per carità, e mi ha tenuto parecchio incollata ma questa sensazione di 'già letto' non mi ha mai abbandonato.. Tanto per fare un esempio, il fato destinato agli anziani! Per quanto riguarda i personaggi, mi è dispiaciuto da morire per Xander. Povera stella, non se lo meritava affatto.. Così buono, dolce, premuroso.. Infatti mi è sembrata un po' una carognata offrirlo come vittima sacrificale!! Vedremo nei prossimi episodi.. Certo, il mio compatimento e la mia solidarietà si interrompono abbastanza in fretta, perché se possibile Ky mi ha fatto ancora più tenerezza :') Coccolo lui! Mamma che voglia di abbracciarlo!!! Cassia per ora mi ha convinto nì.. Per carità, non è sgradevole, anzi.. Mi piace molto.. Ma durante la lettura mi si è insediato un tarlo nella mente: che Ky meriterebbe di meglio.. Così come Xander!meno male che, come sempre, la Società ha tutto sotto controllo.So esattamente come voglio impiegare questa rara occasione di tempo libero con la casa vuota. O quasi, perché non sono mai veramente sola: il portale ronza in sottofondo, seguendo qualsiasi movimento, perennemente all'erta.[Nei tempi antichi] Si poteva morire da soli. Nessuno dovrebbe morire solo.C'è un motivo per cui non hanno conservato questa poesia. Questa poesia ti sprona a combattere.Cosa c'è nella tua voce che mi fa venire voglia di sentirti parlare?Di solito, il malcelato disgusto che l'Ufficiale prova nei nostri confronti mi divertiva. Oggi, invece, mi sembra di capirlo. Io stessa provo disgusto al pensiero di come ci arrampichiamo sulle nostre collinette non appena i Funzionari ci ordinano di farlo. Di come rinunciamo a comando ai nostri tesori più preziosi. Di come non reagiamo.«Fa piacere vederti gelosa una volta ogni tanto».«Ma se dovessi essere abbinato», continuo a bassa voce, «come te la immagini lei?» «Come te», sussurra senza quasi lasciarmi finire. «Come te».Dirò a tutti che ormai lo so: non ci danno tutto, ma solo brandelli di vita autentica. E le dirò che io non voglio una vita fatta di campioni e ritagli. Un assaggio di tutto e nessun pasto completo.«Ecco», dico, e lui guarda ciò che ho scritto. Ti amo. […] «Non voglio scriverlo», mi risponde. Poi lo dice, proprio lì, sulla Collina. E di tutte le parole che ho nascosto, messo al sicuro e custodito con cura, queste sono quelle che non dimenticherò mai, le più importanti.Non siamo in catene. Non sapremmo dove fuggire. Ci sfiniscono col lavoro: non ci picchiano, né ci fanno male in alcun modo. Semplicemente, vogliono stremarci

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan