Born to be Bookahoilc :D

Books, books, books and some more books.

Vampires, Scones, and Edmund Herondale (The Bane Chronicles, #3)

Vampires, Scones, and Edmund Herondale - Cassandra Clare, Sarah Rees Brennan Io quando leggo la CLare:Da qualche giorno (anche se ormai lo sanno anche le rocce, povere) sono piuttosto statica nelle mie letture (un modo elegante per dire che non sto combinando nulla :D) e mi ero ripromessa di non iniziare assolutamente un altro libro se prima non ne smaltivo almeno uno (dei sei..); poi però niente, esce il terzo de "The Bane Chronicles" e io resetto tutti i miei buoni propositi :DMi son detta: vabbé, è piccino, non può fare troppi danni, come bloccare ulteriormente le altre letture!!Infatti, con "soli" tre giorni sono riuscita a leggere queste bellissime 40 pagine.Aaaw. Magnus ♥Sono super mega contenta che la Clare abbia deciso innanzitutto di pensare ai poveri lettori che aspettano trepidanti l'ultimo di Shadowhunters più le altre due saghe programmate e poi di dedicarsi a Magnus, che era stato troppo oscurato da personaggi più importanti di lui in entrambe le saghe pubblicate u.uIo AMO Magnus! :D E devo dire che l'attore che hanno scelto per il film è mmm...Divertente, perspicace, con un gran cuore. *_*Dopo "The Runwawy queen" - che avevo trovato un po' meh, la Clare si riprende in pieno (con tanto di ironia perfetta e descrizioni meravigliose) e ci regala un Magnus nel pieno del suo fascino.. E poi, oh, vogliamo mettere che sono presenti Scones e Edmund Herondale? :DDEdmund Herondale.. Ebbene sì, padre di Will! (ç_ç)Mi piace questo viaggio nel tempo in cui Magnus ci accompagna e che tocca storie e personaggi di TID e TMI.. E' una figata! Tanti tassellini che vanno al loro posto, tante curiosità soddisfatte e tanti nodi che vengono al pettine!Tralaltro ci vien detto che Magnus il cognome se lo sceglie da solo.. E io ignorante quale sono, non avevo pensato che potesse avere un significato, invece vuol dire "Disgrazia", "Sventura".. Vai Magnus, ci piaci sempre di più!!Una cosa che mi sta intrippando il cervello - e che ho scoperto per caso - è come tutte le copertine dei singoli libri stiano formando un'unica grande immagine.. Pensavate fossero messe a casaccio, né? E invece no! Perché la Clare è un genio diabolico :DDEt voilà:There was also the fact that sometimes vampires committed crimes worse than murder. They committed crimes against fashion. When one was immortal, one tended to forget the passing of time. Still, that was no excuse for wearing a bonnet last fashionable in the era of NapoléonMagnus had always had a decided preference for black hair. It appeared as though fate were determined that he should broaden his horizons. Either that or the blonds of the world had formed some sort of conspiracy to be good-looking all of a sudden.“Excuse me, Bane?” said Roderick Morgenstern. “Are you attending?” “I’m so sorry,” Magnus said politely. “Somebody incredibly attractive just came into the room, and I ceased to pay attention to a word you were saying.”“After all,” Magnus remarked aloud to himself, swinging his monkey-headed cane, “attractive and interesting persons do not simply drop out of the sky.” It was then that the fair-haired Shadowhunter that Magnus had spotted at the Institute somersaulted from the top of a wall and landed gracefully in the street before him.Magnus had been alive hundreds of years himself, and yet the simplest things could turn a day into a jewel, and a succession of days into a glittering chain that went on and on. Here was the simplest thing: a pretty girl liked him, and the day shone.Camille’s eyebrows had lifted at the reference to her bosom, but her eyes were sparkling. “And how do you know that I have a heart?” Magnus raised his own eyebrows, conceding the point. “I have heard it said that love is faith.” “Whether your faith is justified,” Camille said, “time will tell.”

Currently reading

I Know This Much Is True
Wally Lamb
Canne al vento
Grazia Deledda, Angela Cerinotti
Corso di arabo contemporaneo
Olivier Durand
L'Esilio del Re - The Chronicles of Wendells
Alessandra Paoloni, Elisabetta Baldan